Il risparmio postale che scricchiola

post.jpgSe ne sono accorti anche i componenti della commissione parlamentare di vigilanza su Cassa Depositi e Prestiti: sul risparmio postale i conti non tornano.

Per la fortuna di Poste Italiane e dello Stato, la gran parte dei risparmiatori affezionati a libretti e buoni postali è meno attenta a certi dati.

A discolpa di questi ultimi si può dire che lo scopo unico di questa commissione è tutelare la gestione separata di Cdp, quindi ci sta che alcuni numeri loro li conoscano meglio. Quello che fatico proprio ad accettare è che nel mondo finanziario di oggi il risparmiatore si lasci davvero attrarre dallo spot televisivo girato in uno scenario da film western, in cui ci sono i “buoni” che arrestano i “cattivi”.

Sui buoni puoi contare sempre, prendi i buoni fruttiferi postali, sono emessi da Cassa depositi e Prestiti e garantiti dallo Stato italiano”.

Il passaggio chiave è “garantiti dalla Stato italiano”.

Generalizzando, quando un risparmiatore sente questa frase riferita ad uno strumento finanziario la pancia prende il sopravvento e segue il flauto magico dello Stato. Per esperienza personale a volte ci butta i soldi anche se razionalmente nello Stato italiano non ripone tutta questa fiducia, anzi…

L’ignoranza finanziaria (parlo di concetti base) nel 2016 non è ammessa. Si può pagare cara, molto cara. E con alcune conoscenze basilari si possono evitare anche le ciofeche proposte con frequenza da alcune banche e operatori finanziari, che invece si nutrono della scarsissima cultura finanziaria dei clienti.

Ma torniamo alla notizia: secondo la commissione “gli andamenti macroeconomici e finanziari, in particolare la differente dinamica tra rendimenti degli impieghi e costo della raccolta postale, potrebbero provocare difficoltà a medio termine per Cdp”. Dunque suggeriscono di adottare iniziative per mettere in sicurezza l’equilibrio economico della gestione separata di Cassa Depositi e Prestiti.

Cos’è la gestione separata Cdp?

La gestione separata è proprio l’area in cui confluiscono i risparmi degli italiani raccolti tramite la sottoscrizione di libretti di risparmio postale e buoni fruttiferi, distribuiti dalle Poste per conto di Cdp e utilizzati poi, almeno nella teoria, dalla Cassa per sostenere il sistema economico italiano. Anche su questo ci sarebbe molto da scrivere (e qualcosa ho già scritto ad esempio sull’operazione Cdp-Saipem), ma non divaghiamo. Tale risparmio prevede la garanzia dello Stato, a differenza della gestione ordinaria di Cdp, cui fanno capo operazioni di raccolta ad hoc ed emissioni.

Cos’è cambiato negli ultimi anni?

Sempre secondo la commissione “il tradizionale sistema Poste-Cdp ha subito consistenti modifiche per effetto del mutato contesto storico”, accelerate dalla trasformazione societaria e dalla nuove missioni assegnate alla Cassa, oltre che dalla quotazione di Poste, sbarcata a Piazza Affari lo scorso ottobre con la vendita ai privati del 35,3% da parte del Tesoro. Questi nuovi scenari “richiedono una verifica delle regole e delle condizioni applicate finora per valutarne la validità”.

Quali sono, concretamente, le crescenti preoccupazioni sui conti?

  1. La raccolta postale è in calo: dal mio, personalissimo, punto di vista è fin troppa ma è in diminuzione per via dei tassi di interesse a zero o sottozero. Nel 2015 la raccolta netta è stata negativa per 9,9 miliardi rispetto ai -2,7 miliardi del 2014, in particolare i buoni fruttiferi hanno perso 14 miliardi, mentre i libretti sono stati positivi per 4,1 miliardi.
  2. Anche la raccolta netta di esclusiva competenza di Cdp è stata negativa: -4,2 miliardi. Invece la raccolta netta degli altri prodotti collocati da Poste lo scorso anno è stata positiva per 11,7 miliardi, rispetto ai +6 miliardi del 2014, grazie in particolare alla spinta delle polizze collocate da Poste Vita (non a caso ora gli spot pubblicitari si sono concentrati su questi prodotti).
  3. Disallineamento tra rendimento degli impieghi e costo della raccolta: in base all’accordo vigente tra Poste e Cdp, stipulato a fine 2014 e valido fino a tutto il 2018, Cassa corrisponde ogni anno alla società guidata da Francesco Caio una commissione pari allo 0,52% della giacenza complessiva. Per contro, la remunerazione del conto corrente di Tesoreria, sul quale confluiscono i flussi di raccolta in gestione separata non investiti da Cdp, ha subito una riduzione importante dei tassi d’interesse. La conseguenza è stata il disallineamento tra quest’ultima remunerazione, pari l’anno scorso allo 0,6%, e il costo complessivo del risparmio postale, che nel 2015 è stato del 2,5%, “da cui deriva un margine negativo previsto di 2,8 miliardi, non sostenibile nel medio periodo”, osservano dalla commissione.
  4. L’andamento negativo di alcune società partecipate da Cdp: in passato le partecipate hanno contribuito all’andamento positivo dei risultati gestionali ma ora “per mutate condizioni di mercato, vedono molto ridursi il loro contributo al risultato di gestione di Cdp”, si legge nella relazione. Un esempio su tutti: l’utile netto di gruppo della Cassa nel 2015 è stato negativo per circa 900 milioni per effetto della perdita di 8,8 miliardi conseguita da Eni , di cui Cdp possiede il 25,76%.

La commissione, dopo aver analizzato i numeri, si è spinta oltre e ha dato suggerimenti per provare chiudere le falle della gestione separata.

Diversificare i canali e gli strumenti di raccolta. Ok.

Fare un decreto per attuare le nuove disposizioni del Parlamento relative al conto di tesoreria dedicato alla gestione separata, per rettificare il disallineamento che si è venuto a creare tra rendimento e costo della liquidità depositata presso Cdp. Ok.

Ricerca di una “maggiore appetibilità del risparmio postale, che come strumento di risparmio per la clientela retail rappresenta un unicum nel mercato perché garantito dallo Stato”. Bingo! Anche loro sanno bene qual è la leva giusta!

Allora, nei prodotti Cdp ci sono 252 miliardi di euro, più del 6% dei 4 mila miliardi dello stock complessivo di ricchezza. Non proprio brustolini.

E questi soldi ci sono esclusivamente perché sui contratti c’è scritto: garantiti dallo Stato italiano.

Lo stesso Stato italiano che, solo per citare un paio di cose, ha oltre 2.333.000.00.000 € di debito pubblico (massimo storico ed in crescita costante), tax rate a livelli assurdi, Pil agonizzante e lontanissimo dai livelli pre-crisi, piramide demografica imbarazzante, sistema previdenziale e welfare non sostenibili, sistema bancario che fa acqua da tutte le parti…

…MACHETTELODICOAFFA’? Non credo di aver bisogno di insistere oltre, no?

Questa garanzia è più scricchiolante delle ossa di un ultracentenario.

E i numeri, che sono testardi, ci raccontano che lo scricchiolìo aumenta ogni giorno di più.

Annunci

Il grande valore del risparmio per il futuro dei giovani

imm_Ieri mattina ho letto con interesse l’articolo “Generazione Y: risparmiano poco e con prudenza“, pubblicato su Italia Funds People.

Il tema di fondo è il rapporto tra i giovani e la finanza: dai dati del Quaderno n.3/2015 appena pubblicati da Assogestioni emergono questi elementi principali relativi alla Generazione Y, ovvero i giovani nati dal 1980 in poi:

– i giovani risparmiano poco: la quota di sottoscrittori con età compresa tra i 26 e i 35 anni è scesa in un biennio dall’8% al 6,9% del totale

investono con eccessiva prudenza: il 38,7% sceglie principalmente i fondi obbligazionari e dedicano ai fondi azionari solo l’8% del proprio investimento, al di sotto della media registrata

diversificano poco gli investimenti: oltre il 70% degli under 35 lo ha fatto solo in un fondo italiano, mentre circa 1 su 4 si spinge ad investire in due o più fondi

per i consigli difficilmente si rivolgono ad un professionista: nel 70% dei casi per scegliere una forma di risparmio e investimento un giovane sotto i 35 anni parla in primo luogo con la propria famiglia

La conclusione principale che ne traggo è la forte necessità di consulenza qualificata per ottimizzare queste risorse ed aiutare i miei coetanei nella gestione e soprattutto nella finalizzazione degli investimenti. La cultura finanziaria non è sufficientemente diffusa e scarseggia la propensione alla pianificazione economica del proprio futuro. Del resto, per la nostra generazione, è davvero difficile pianificare il futuro in un contesto così complicato, sotto ogni profilo, come quello attuale. Ma è quanto mai necessario.

Le previsioni sui movimenti della ricchezza finanziaria italiana indicano infatti che la Generazione Y sarà protagonista indiscussa dei prossimi dieci anni: in un decennio il 65% della ricchezza finanziaria passerà di mano e i principali clienti dei professionisti della consulenza finanziaria saranno gli under 35.

Se la distanza tra i giovani e il risparmio è dunque certezza matematica, lo è anche all’interno del mondo dei professionisti della consulenza: i promotori under 30, secondo l’Albo dei promotori finanziari, sono solo il 2% del totale della popolazione. Un livello troppo basso per una professione che oggi vede il 43% degli iscritti all’Albo con più di 50 anni, il 40% compreso tra i 40 e 50 anni, e il 15% tra 30 e 40 anni.

Io faccio parte di questa esigua minoranza e mi propongo come guida per portare i giovani ad avere una nuova consapevolezza del valore del risparmio per i loro progetti futuri!

E in questo senso ho un’esperienza concreta da descrivere brevemente: la mia.

Ho iniziato la mia attività di consulente finanziario nel 2008. Ho aperto la partita IVA e ho iniziato a cercare i primi clienti. Per i primi tempi, naturalmente, le spese superavano di gran lunga le entrate, senza la possibilità quindi di accantonare quote di risparmio. Appena sono riuscito a sviluppare un certo business e a raggiungere un discreto equilibrio finanziario ho condiviso con il mio consulente finanziario di fiducia, me stesso :-), i miei obiettivi di vita personali – partendo da quelli prioritari – e definendo in quale orizzonte temporale raggiungerli. Dopodiché ho stimato le risorse necessarie per realizzare questi progetti e ho scelto le soluzioni più efficienti per centrare questi obiettivi.

Mi sono posto soprattutto obiettivi di medio-lungo periodo e ho pertanto scelto un approccio finanziario piuttosto aggressivo, con una alta percentuale di azioni. Uno dei miei primi investimenti finanziari personali fu un piano di accumulo di 100 euro al mese su un fondo azionario che investe nei mercati emergenti asiatici, sottoscritto nel 2010. E’ ancora attivo: rendimento di periodo ad oggi 74,80%, su base annua 12,73%. Non male direi…

La pianificazione e la costanza nel perseguire i miei obiettivi mi ha consentito proprio pochi giorni fa di realizzare uno dei miei progetti principali: versare l’anticipo per l’acquisto della prima casa.

Utopia? Realtà? I numeri non mentono e sono pronto a metterli a vostra disposizione. Vi assicuro che senza un piano finanziario coerente e strutturato avrei fatto scelte ben diverse e oggi vivrei un presente molto meno sereno!

Da sempre ripeto che la pianificazione finanziaria è una disciplina per mettere la finanza al servizio dei nostri progetti.

E siccome tutti abbiamo progetti…perché non tutti abbiamo un piano finanziario?

Vuoi valutarne uno tagliato sulle tue esigenze? Compila il form e sarai contattato:

Quanto devo risparmiare per avere una pensione milionaria?

foto_Iniziare a mettere da parte una certa somma al mese da quando si è giovani, risulta molto utile per quando poi si andrà in pensione.

Per capire questa idea, bisogna cercare di capire prima quanti sono i soldi che si devono mettere da parte con cadenza mensile.

I media USA hanno pubblicato una tabella in cui viene mostrato come partendo da età diverse e con diversi tassi di rendimento, si può giungere all’età della pensione, a 65 anni, con più di un milione di dollari.

Image

Ad esempio con un tasso annuo del 6% se si inizia a risparmiare a 20 anni, mettendo da parte 361 dollari al mese, si può raggiungere il milione una volta andati in pensione. Se invece si vuole iniziare a 25 anni, i soldi da mettere da parte diventano 499 dollari.

I pessimi dati sulla disoccupazione giovanile mettono in evidenza come per molti ventenni e trentenni italiani la priorità sia soprattutto il presente e non solo il futuro ma il concetto di fondo è semplice: per chi ne ha la possibilità, è molto meglio iniziare a risparmiare quando si è giovani!

monthly%20savings%20table%20good
Fonti:

http://www.businessinsider.com

http://www.wallstreetitalia.com

 

Risparmio: gli italiani preferiscono i buoni consigli

calculator, pen and graphIncertezza, volatilità e crisi: queste le principali paure degli investitori negli ultimi 5 anni.

Timori che se da una parte hanno limitato la voglia d’ investimento di molti, dall’altro hanno rafforzato la diffusione dell’educazione finanziaria e soprattutto la consapevolezza che il mondo della finanza e degli investimenti necessita di conoscenza e approfondimento.

Ed in questa difesa del risparmio hanno esercitato un ruolo fondamentale i consulenti finanziari, che dal 2008 ad oggi hanno dimostrato di essere vere e proprie figure di riferimento per gli investitori italiani. A confermarlo il “Schroders Global Investment Trends Report”, una ricerca svoltasi in 20 Paesi e che ha coinvolto 14.800 investitori.

In Italia il sondaggio è stato svolto su 1000 risparmiatori intenzionati a investire 10.000 euro entro l’anno: il 42% di loro ha dichiarato che prima di decidere consulterà un professionista (il 20% un consulente finanziario, il 17% la propria banca, il 5% un commercialista). Tra le altre fonti più utilizzate dagli italiani per decidere cosa fare dei propri risparmi vi sono i siti d’informazione finanziaria (21%), parenti e amici (12%) e i media (6%).

Interessante vedere come, dallo stesso sondaggio, è emerso che il 32% del campione continuera’ a preferire per tutto il 2013 soluzioni prudenti, atte più che altro alla protezione e conservazione del capitale che non alla sua crescita.

Potremmo quindi dire che la crisi ha portato, oltre purtroppo alla contrazione della capacità di risparmio delle famiglie, alla rivalutazione della figura professionale del consulente o promotore finanziario, tanto che sono in molti coloro che hanno abbandonato il classico investimento “fai da te” in nome della partecipazione ad un investimento più sicuro, come appunto quello in fondi d’investimento.

E non è infatti un caso che l’industria del risparmio gestito continui a registrare numeri positivi: secondo Assogestioni nei primi 5 mesi dell’anno il settore ha registrato una raccolta netta positiva per 35,8 miliardi raggiungendo quota 1.264 miliardi di euro.

Nonostante il periodo di crisi, gli italiani si dimostrano comunque popolo di risparmiatori, che mai come ora sanno di dover ben salvaguardare i propri risparmi, e in questo i consulenti finanziari giocano un ruolo sempre più fondamentale.

Avanti tutta, io ci sono!

Fonte: www.iononcicascopiu.it

Italiani, popolo di risparmiatori

Gli investitori italiani benestanti risparmiano e investono oltre il 35% del reddito familiare mensile. E guardano all’Asia come destinazione favorita per i loro investimenti nei prossimi 12 mesi.

E’ quanto emerge dallo “European Wealth Index” elaborato da Schroders (società di asset management inglese) per il 2012 su 1.341 individui in 12 paesi europei. L’indagine, giunta alla seconda edizione, studia il comportamento degli investitori affluent – con un patrimonio investito di almeno 60.000 euro – analizzando la ripartizione del reddito fra risparmio, spese, investimenti e debito.

I risultati? Nonostante il clima di incertezza economica diffuso in tutta Europa, emerge un quadro di sostanziale solidità finanziaria per gli investitori benestanti, per cui risparmiare e investire per il futuro rappresentano delle priorità.

In particolare, è stato chiesto agli intervistati come viene generalmente ripartito il reddito familiare mensile: l’investitore italiano medio ha risposto che il 54% viene speso, il 35% risparmiato e investito, e l’11% accantonato per ripagare i debiti. I dati relativi all’Italia appaiono in linea con la media europea e indicano che, nonostante le difficili sfide economiche che il Paese deve affrontare, gli investitori italiani affluent tendono a rispettare le loro strategie di pianificazione finanziaria a lungo termine.

Quali sono le motivazioni sottostanti alla pianificazione finanziaria, specialmente nei casi in cui una quota sostanziale delle risorse è destinata al risparmio e agli investimenti?

Gli italiani hanno indicato come ragione primaria il desiderio di costituire un fondo di emergenza per far fronte agli imprevisti (42%), esigenza più sentita della pianificazione pensionistica (31%). A differenza di altri Paesi europei comunque, in Italia la gamma di esigenze che motiva la pianificazione finanziaria risulta particolarmente ampia. Per esempio, il 23% degli italiani – preceduti solo dagli spagnoli (25%) – cita fra le necessità il finanziamento dell’istruzione e degli studi universitari dei figli. Gli intervistati italiani sono anche i più propensi (13%) in Europa ad accantonare risorse per far fronte ai costi di assistenza all’infanzia.

Quanto alle aree più promettenti per investimenti orientati alla crescita, ben il 41% degli italiani ha risposto di guardare all’Asia-Pacifico per i prossimi 12 mesi, ma anche Europa centro-orientale (18%) e Medio Oriente (16%) sono apprezzati dagli investitori del Belpaese. Solo un italiano su cinque (22%), rispetto a una media Europea del 30%, crede invece ancora nel potenziale del mercato domestico.

Quali conclusioni possiamo trarre da questa ricerca?

In generale, possiamo dire che gli investitori europei medi, nonostante il difficile contesto, continuano a risparmiare e investire una quota significativa delle loro risorse e sono quindi in grado di conciliare le esigenze immediate con una pianificazione finanziaria a lungo termine. È inoltre positivo che gli italiani mostrino una certa convinzione e ottimismo sulle opportunità offerte dai mercati nel prossimo anno.

Non vorrei d’altra parte essere frainteso e scambiato per un inguaribile ottimista (pur ammettendo, in parte, di esserlo…). Da questa indagine infatti sono, naturalmente, escluse le fasce sociali più in difficoltà, che di certo non hanno tra le priorità quella di risparmiare e di investire e che purtroppo stanno aumentando numericamente negli ultimi anni. Il campione di riferimento è preciso e le considerazioni vanno fatte all’interno di questa parte di popolazione.

Dunque, per quanto riguarda la parte benestante del nostro paese, si può essere cautamente ottimisti per il futuro e si può continuare a cavalcare il luogo comune che ci definisce “popolo di risparmiatori”. E per fortuna, visto il nostro debito pubblico…o.O

Rivolgendomi a chi continua a risparmiare e tiene alla salvaguardia dei propri risparmi, dico che è ancora più fondamentale oggi continuare, o iniziare, ad avvalersi di una consulenza professionale qualificata al fine di adottare le decisioni finanziarie più opportune in linea con le proprie esigenze presenti e future.

Quali sono le tue esigenze? Parliamone insieme.