L’importanza della pianificazione finanziaria

Img_181Risparmiatori senza obiettivi finanziari ben definiti, privi di un’adeguata conoscenza e di piani per rispondere alle esigenze future. Questo il quadro che esce da una ricerca di Natixis Global Asset Management, che evidenzia come più di tre risparmiatori italiani su cinque (61%) non abbiano obiettivi ben definiti e come ben il 69% degli intervistati non abbia un piano finanziario per raggiungerli. La mancanza di obiettivi precisi fa sì che gli individui si trovino allo sbaraglio, in un contesto finanziario che richiede invece un livello di preparazione sempre più elevato. Di qui la necessità della consulenza. Un bisogno avvertito anche dagli stessi privati. Dalla ricerca di Natixis GAM emerge, infatti, che il 44% degli intervistati riconosce di avere necessità di una migliore conoscenza finanziaria. Questo spiega perché il 79% degli italiani investa solo in prodotti che può comprendere.

Si conferma quindi il ruolo chiave della consulenza finanziaria. “I risparmiatori italiani si stanno rivolgendo sempre più verso consulenti professionali che li possano guidare verso il raggiungimento dei risultati di investimento desiderati”, si legge nella ricerca, dalla quale si apprende che il 72% degli intervistati italiani utilizza in qualche modo un consulente. Il rischio di base è che senza il sostegno di consulenti e promotori finanziari, i risparmiatori rimangano bloccati in un’impasse tra rischio e rendimento, rimanendo in bilico, quindi, tra rendimento e sicurezza. E, soprattutto nel nostro Paese, i risparmiatori sono profondamente combattuti. Mentre il 63% afferma che la crescita della ricchezza rappresenta una priorità rispetto alla protezione del capitale, il 66% è disposto ad assumersi solo un rischio minimo, anche se ciò significa sacrificare il rendimento. E ben il 75% continua a scegliere la sicurezza rispetto alla performance.

Il rischio più grande al quale un privato va incontro è che, senza un piano finanziario, le probabilità di realizzare i propri obiettivi diminuiscono. E se in questo scenario di fondo aggiungiamo anche l’istinto e l’emotività, la situazione potrebbe peggiorare. Sempre secondo Natixis, quasi l’80% degli intervistati compie scelte di investimento sulla base dell’istinto. Inoltre, solo una minima percentuale di soggetti riesce a percepire il ruolo che l’emotività può giocare sul raggiungimento degli obiettivi. Ecco che occorre quindi una guida che possa aiutare gli investitori a capire il profilo di rischio del proprio portafoglio in modo da strutturare un piano finanziario per il futuro e monitorare l’andamento dei propri investimenti nel tempo.

Fonte: http://www.iononcicascopiu.it

Offerta CheBanca! 3,50% sulla liquidità a 6 mesi

cdep
I giorni più gialli dell’anno: apri un conto deposito e riceverai l’interesse del 3,50% annuo su tutta la nuova liquidità vincolata a 6 mesi entro il 28 agosto 2013.

Inoltre gli interessi ti saranno accreditati in anticipo!

Disclaimer

Per maggiori informazioni contattami:
danilo.perini@apogeoconsulting.it
393 9461999

Target 2016 Equity Option: viaggiare in sicurezza alla ricerca del rendimento

simbolo_obbligo_cinturePartiamo da un dato di fatto: i nuovi mercati sono guidati dalle Banche Centrali. E qual è uno dei loro obiettivi principali? Spostare gradualmente l’enorme debito degli stati sui privati cittadini, forzando i sottoscrittori di bond governativi ad accettare rendimenti reali negativi. Vi chiederete, chi mai accetterebbe di sottoscrivere un investimento con ritorni negativi? In realtà i dati confermano che gran parte degli investitori è disposto a farlo. Oggi i rendimenti generati da gran parte dei titoli obbligazionari non sono in grado di garantire il recupero sull’inflazione ma i flussi di investimento sono ancora indirizzati prevalentemente sui bond.

La ricerca di rendimenti nell’attuale contesto di mercato non deve farci perdere di vista il reale rapporto rischio/rendimento degli investimenti: il numero di emissioni obbligazionarie è ai massimi e sono state effettuate anche da soggetti pubblici e privati che per la prima volta nella storia lo hanno fatto in questi mesi (un esempio? Lo Zambia!). In più nel corso degli ultimi 5 anni i flussi internazionali di sottoscrizione si sono rivolti in gran parte sulle obbligazioni, ignorando e diminuendo le esposizioni azionarie.

Per affrontare il 2013 nelle modalità corrette è dunque necessario:

  1. Applicare logiche a ritorno reale, evitando di seguire i trend di mercato orientati da sempre verso i prodotti che hanno ottenuto maggiori performance storiche
  2. Ricercare servizi a miglior profilo di rischio/rendimento sul mercato
  3. Approfittare di un’eventuale inversione dei flussi

Quali sono le nostre risposte concrete? Come si può intraprendere un viaggio alla ricerca del giusto rendimento con le cinture di sicurezza ben allacciate, gli airbags funzionanti, il giusto livello dell’olio, gli pneumatici perfettamente gonfi e il motore nelle migliori condizioni?

Riteniamo che per avvicinarsi alle opportunità di rendimento in maniera efficiente cercando di sfruttare le buone potenzialità dei mercati azionari al rialzo, anche in presenza di incertezze politiche, sia necessario introdurre nella diversificazione del portafoglio strumenti che sappiano sfruttare al meglio politiche di stop loss (perdite massime) e di presa di profitto dei risultati tramite strutture opzionali a scadenza annuale, che permettono di rimodulare annualmente la copertura secondo le variabili condizioni di mercato del momento.

TARGET 2016 EQUITY OPTION:

  • E’ un fondo a scadenza a gestione attiva, che modula l’esposizione ai mercati azionari in correlazione alle condizioni di mercato
  • L’investimento principale si compone di liquidità, obbligazioni governative, sovrannazionali, corporate con un’altissima diversificazione
  • E’ gestito con la massima flessibilità
  • In condizioni di mercato ribassiste l’esposizione azionaria non supererà mai il 20% in titoli selezionati ad alto dividendo
  • In condizioni di mercato rialziste l’esposizione azionaria aumenterà in maniera significativa, grazie all’utilizzo di opzioni annuali su indici di borsa
  • Possibilità di cedola trimestrale del 2% su base annua
  • Avrà un flusso cedolare aggiuntivo a fine anno pari al risultato di gestione ottenuto
  • Ha una finestra di collocamento (data limite per la sottoscrizione: 28/03/2013)

Oggi il differenziale di rendimento tra azioni e obbligazioni è ai massimi, a favore delle azioni. Per questo nel prodotto si sostituisce in parte il rendimento obbligazionario con quello azionario.

In sintesi questo strumento si comporta automaticamente come un “investitore razionale” producendo un meccanismo automatico di stop loss (perdite massime) e stop gain annuali (prese di profitto dei rendimenti ottenuti). E chi ha sentito parlare di finanza comportamentale sa quanto sia importante non farsi guidare dalla pancia ma dalla razionalità!

Se vuoi avere maggiori informazioni per non perdere questa occasione chiamami o scrivimi.

Disclaimer

Come cogliere le opportunità?

Il mondo degli investimenti è cambiato e io in prima persona, supportato attivamente dalla mia società, mi muovo rapidamente e tempestivamente per soddisfare i bisogni dei clienti.

In alcuni precedenti articoli ho parlato di come proteggerci dal “Pericolo Euro”, oggi voglio occuparmi di un’altra esigenza particolarmente attuale e diffusa: quali efficienti strategie adottare per cogliere le opportunità di rendimento su titoli di stato e obbligazioni, minimizzando i rischi?

Spesso in passato abbiamo considerato i titoli di stato – in particolare quelli  italiani – e le obbligazioni private di importanti società come porti sicuri. Purtroppo però gli anni scorsi, ed in particolare la scorsa estate, anche questo paradigma ha cominciato a scricchiolare.

Oggi, anche a causa del complicato contesto europeo, della celeberrima “speculazione internazionale” e dell’incapacità decisionale della nostra classe politica, le quotazioni dei nostri buoni del tesoro sono assai basse e per questo offrono rendimenti molto appetibili, anche su scadenze relativamente brevi.

Come cogliere queste opportunità senza esporci completamente al cosiddetto “Rischio Paese”? Meglio scegliere singole emissioni o acquistare un numero elevato di titoli per aumentare la tutela?

Per diversificare gli investimenti e al contempo assicurarsi un rendimento elevato, minimizzando e quasi annullando il rischio di controparte, ti vorrei far valutare l’opportunità di investire in una soluzione obbligazionaria con scadenza predefinita, flusso cedolare certo e un interessante rendimento a scadenza che ho a disposizione per un periodo limitato. Ecco alcune caratteristiche:

  • Scadenza predefinita a 4 anni: settembre 2016
  • Diversificazione in oltre 80 selezionati titoli ed emittenti (sia titoli di stato – italiani ed internazionali – che obbligazioni societarie)
  • Possibilità di cedola annua pari al 4%
  • Rendimento a scadenza certo, con le quotazioni degli ultimi giorni oggi è pari al 5,50% su base annua
  • Tutela patrimoniale (fondo di investimento con deposito lussemburghese)

Abbiamo tempo fino al 10 agosto prossimo per sottoscrivere questa interessante soluzione, successivamente non sarà più possibile fare versamenti proprio per garantire questo rendimento a scadenza.

Naturalmente queste informazioni sono parziali e non rappresentano una sollecitazione all’investimento, bensì sono un primo spunto di confronto e di riflessione utile per un successivo incontro personale di approfondimento.

E’ assolutamente possibile cogliere le opportunità anche in un contesto come quello attuale, l’importante è evitare la concentrazione e compiere scelte sagge ed oculate. Vuoi saperne di più? www.daniloperini.com/contatti

Disclaimer