Italiani, popolo di risparmiatori

Gli investitori italiani benestanti risparmiano e investono oltre il 35% del reddito familiare mensile. E guardano all’Asia come destinazione favorita per i loro investimenti nei prossimi 12 mesi.

E’ quanto emerge dallo “European Wealth Index” elaborato da Schroders (società di asset management inglese) per il 2012 su 1.341 individui in 12 paesi europei. L’indagine, giunta alla seconda edizione, studia il comportamento degli investitori affluent – con un patrimonio investito di almeno 60.000 euro – analizzando la ripartizione del reddito fra risparmio, spese, investimenti e debito.

I risultati? Nonostante il clima di incertezza economica diffuso in tutta Europa, emerge un quadro di sostanziale solidità finanziaria per gli investitori benestanti, per cui risparmiare e investire per il futuro rappresentano delle priorità.

In particolare, è stato chiesto agli intervistati come viene generalmente ripartito il reddito familiare mensile: l’investitore italiano medio ha risposto che il 54% viene speso, il 35% risparmiato e investito, e l’11% accantonato per ripagare i debiti. I dati relativi all’Italia appaiono in linea con la media europea e indicano che, nonostante le difficili sfide economiche che il Paese deve affrontare, gli investitori italiani affluent tendono a rispettare le loro strategie di pianificazione finanziaria a lungo termine.

Quali sono le motivazioni sottostanti alla pianificazione finanziaria, specialmente nei casi in cui una quota sostanziale delle risorse è destinata al risparmio e agli investimenti?

Gli italiani hanno indicato come ragione primaria il desiderio di costituire un fondo di emergenza per far fronte agli imprevisti (42%), esigenza più sentita della pianificazione pensionistica (31%). A differenza di altri Paesi europei comunque, in Italia la gamma di esigenze che motiva la pianificazione finanziaria risulta particolarmente ampia. Per esempio, il 23% degli italiani – preceduti solo dagli spagnoli (25%) – cita fra le necessità il finanziamento dell’istruzione e degli studi universitari dei figli. Gli intervistati italiani sono anche i più propensi (13%) in Europa ad accantonare risorse per far fronte ai costi di assistenza all’infanzia.

Quanto alle aree più promettenti per investimenti orientati alla crescita, ben il 41% degli italiani ha risposto di guardare all’Asia-Pacifico per i prossimi 12 mesi, ma anche Europa centro-orientale (18%) e Medio Oriente (16%) sono apprezzati dagli investitori del Belpaese. Solo un italiano su cinque (22%), rispetto a una media Europea del 30%, crede invece ancora nel potenziale del mercato domestico.

Quali conclusioni possiamo trarre da questa ricerca?

In generale, possiamo dire che gli investitori europei medi, nonostante il difficile contesto, continuano a risparmiare e investire una quota significativa delle loro risorse e sono quindi in grado di conciliare le esigenze immediate con una pianificazione finanziaria a lungo termine. È inoltre positivo che gli italiani mostrino una certa convinzione e ottimismo sulle opportunità offerte dai mercati nel prossimo anno.

Non vorrei d’altra parte essere frainteso e scambiato per un inguaribile ottimista (pur ammettendo, in parte, di esserlo…). Da questa indagine infatti sono, naturalmente, escluse le fasce sociali più in difficoltà, che di certo non hanno tra le priorità quella di risparmiare e di investire e che purtroppo stanno aumentando numericamente negli ultimi anni. Il campione di riferimento è preciso e le considerazioni vanno fatte all’interno di questa parte di popolazione.

Dunque, per quanto riguarda la parte benestante del nostro paese, si può essere cautamente ottimisti per il futuro e si può continuare a cavalcare il luogo comune che ci definisce “popolo di risparmiatori”. E per fortuna, visto il nostro debito pubblico…o.O

Rivolgendomi a chi continua a risparmiare e tiene alla salvaguardia dei propri risparmi, dico che è ancora più fondamentale oggi continuare, o iniziare, ad avvalersi di una consulenza professionale qualificata al fine di adottare le decisioni finanziarie più opportune in linea con le proprie esigenze presenti e future.

Quali sono le tue esigenze? Parliamone insieme.

8 italiani su 10 preferiscono i consulenti finanziari

L’84% degli italiani ha intenzione di rivolgersi a un consulente finanziario. Questo è quanto emerge dalla una nuova indagine paneuropea condotta da Schroders, società di asset management internazionali, che mostra come nel corso del 2012 gli italiani si sono mostrati molto più propensi a rivolgersi a un advisor rispetto agli altri cittadini europei. 

L’indagine che fa parte del progetto European Wealth Index, che studia percezione e comportamenti degli investitori affluent, evidenzia che gli italiani vogliono rivolgersi a un consulente finanziario perché desiderano gestire l’incertezza e garantirsi una crescita del proprio capitale. E non solo. Considerando che la maggior parte degli intervistati si è dichiarato rammaricato delle proprie scelte di investimento, ecco perché diventa fondamentale affidarsi a un esperto. 

Per Luca Tenani, responsabile distribuzione Italia di Schroders: “Gli Italiani nutrono ancora comprensibili timori sulle condizioni di mercato e sulle prospettive di investimento. In un contesto di mercato particolarmente difficile come quello attuale, è comprensibile che molti investitori nutrano dei rimpianti, ma è positivo che i risparmiatori, in particolare italiani, credano ancora nell’importanza di attenersi a un piano a lungo termine. Mi sembra incoraggiante che stiano valutando nuove soluzioni per superare l’impasse e tornare alla crescita. Secondo l’indagine, per l’84% degli Italiani la consulenza finanziaria rappresenta una chiave di volta; attraverso la pianificazione, l’investitore può infatti riprendere il controllo della situazione e riallineare la strategia di asset allocation con i propri obiettivi. In un momento di grandi cambiamenti in tutta la regione, il ricorso a professionisti esperti è fondamentale per adottare una strategia di investimento vincente”.

Ma quali sono le principali motivazioni che hanno indicato gli investitori?

Il 29% ha detto di ricercare l’efficienza fiscale; il 27%  la definizione dell’ammontare del capitale da investire; il 22%  la revisione periodica dell’asset allocation; 21% la valutazione di nuove asset class in cui investire; il 20% riequilibrio degli obiettivi a breve e lungo termine.

Questo testimonia secondo l’osservatorio di Schroders come gli italiani abbiano cambiato atteggiamento e come conoscano bene qual è la funzione del promotore finanziario.

Rispetto alla scorsa edizione dell’indagine, a giugno 2011, erano più preoccupati di fattori generali come un profilo di investimento troppo aggressivo (19%) o troppo prudente (10%), o la decisione di investire tout court (17%). Mentre quest’anno gli italiani hanno detto di aver rimpianti tra i quali: non aver investito di più (30%); e non essersi rivolti a consulenti esperti (18%).

Quest’indagine da un lato mi lascia qualche perplessità: come mai allora le banche tradizionali in Italia detengono ancora oggi – purtroppo – il 92% del mercato??? Dall’altro mi rincuora molto e mi da ancora più motivazioni per continuare ad aiutare le persone, con il mio lavoro e la mia attenzione, a finalizzare i risparmi nel modo corretto per cercare di realizzare i loro sogni e progetti. Come sempre, meglio vedere il bicchiere mezzo pieno!

E tu cosa ne pensi? Hai già pensato di rivolgerti ad un buon consulente per costruire un progetto di pianificazione finanziaria “su misura”, in linea con i tuoi obiettivi, le tue esigenze e le tue aspettative? Contattami e metti alla prova la mia professionalità!

Scrivimi all’indirizzo mail danilo.perini@apogeoconsulting.it

Fonte: www.advisoronline.it