L’indice Big Mac

bigmacindDomanda legittima in un blog che parla di consulenza finanziaria: cosa c’entra il Big Mac con la finanza?!?

Tranquillo, non sei finito per sbaglio in un blog di cucina da fast food…ora ti dirò perchè il famoso panino di Mc Donald’s può essere utile quando si parla di finanza ed in particolare quando si vuole confrontare il valore di una moneta rispetto alle altre.

Introdotto nel 1986 dalla rivista britannica The Economist, l’indice Big Mac è tutt’ora un parametro molto usato per confrontare il potere d’acquisto delle diverse valute.

L’idea dei britannici fu quella di utilizzare un bene consumato in tutti i paesi, un panino Mc Donald’s per l’appunto, per rapportare gli equilibri tra diverse monete secondo la cosiddetta teoria della parità del potere di acquisto. Per esempio, spiega L’Economist, negli Usa un Big Mac costa 4,37 dollari (pari a circa 3,22 euro) mentre in Europa servono in media 3,59 euro: ciò significa che la moneta statunitense è sottovalutata rispetto all’Euro.

Un indice questo spesso criticato perché giudicato impreciso (non tiene per esempio conto del diverso costo della forza lavoro) ma che da quest’anno, nella nuova versione 2.0, considera anche il Pil procapite dei diversi Paesi. Al di là dell’introduzione dell’interattività e del perfezionamento dell’index stesso, la rivista britannica ha pubblicato un’attenta analisi che, con riferimento luglio 2011-gennaio 2013, analizza le diversità di prezzo del panino all’interno dell’Area Euro.

013_bigmac_b2[1]

Fonte: Bruegel su dati forniti da The Economist

Questi dati, analizzati dal centro studi Bruegel di Bruxelles, hanno messo in luce che l’Italia è il paese più caro dell’Eurozona: il nostro Big Mac costa 3,85 euro contro i 3,64 della Germania, i 3,6 della Francia e i 3,4 dell’Austria. In tutti i paesi in crisi (Grecia, Spagna, Irlanda e Portogallo) nel periodo analizzato il prezzo del Big Mac è calato mentre in Italia, in fase recessiva come i paesi sopra citati, ha visto un aumento del prezzo del 20%, il secondo aumento più elevato dopo l’Estonia.

Guntram Wolff, Vicedirettore del Bruegel, sottolinea che questo dato è da attribuire al fatto che “l’Italia ha avuto la più elevata inflazione nell’Eurozona tra luglio 2011 e dicembre 2012 con i prezzi cresciuti del 6% rispetto alla media del 3,9% dell’Eurozona”.

Quando ordini un Mc Menu in giro per il mondo, dunque, tieni d’occhio il prezzo: dieta e fegato permettendo, potrebbe essere conveniente ordinarne due! 😉

 

Fonte: www.iononcicascopiu.it

Come sarà l’economia mondiale fra 50 anni?

oecd_economia_2060_india_cina_sorpassoLa missione dell’Organizzazione per la Cooperazione Economica e lo Sviluppo (OCSE) è quello di promuovere politiche in grado di migliorare lo sviluppo economico e il benessere sociale di persone in tutto il mondo.

L’OCSE (in inglese OECD: Organisation for Economic Co-operation and Development) ha diffuso recentemente un video che illustra l’evoluzione dell’economia mondiale nei prossimi anni fino a giungere al 2060.

I prossimi 50 anni vedranno importanti cambiamenti del PIL mondiale. Sulla base delle parità del potere d’acquisto (PPP 2005), la Cina si prevede superi la zona Euro in un anno e gli Stati Uniti in un paio di anni, diventando la più grande economia del mondo, e l’India si prevede superi il Giappone nel prossimo anno o due e la zona Euro in circa 20 anni.

Nonostante questa rapida crescita dei paesi emergenti, la classifica del PIL pro capite del 2011 e del 2060 dovrebbero rimanere molto simili. Anche se le differenze in termini di produttività e competenze sono ridotte.

Il video è molto interessante e dà una visuale semplice e precisa di quello che potrebbe accadere nei prossimi anni, dati alla mano.

GUARDA IL VIDEO

E’ chiaro che l’evoluzione dell’economia mondiale avrà un impatto sul nostro modo di vivere e sulla gestione ottimale dei nostri risparmi…e quando si hanno informazioni con largo anticipo è doveroso, oltre che utile, agire di conseguenza!

Parliamone insieme, contattami.

 

 

Italia-Germania: doppia sfida

Italia-Germania: un classico. Questa sera a Varsavia si decide il futuro dell’europeo di calcio Euro 2012. Ma la partita più importante si gioca tra oggi e domani a Bruxelles: sul piatto c’è il destino dell’Europa.

La sfida di Mario Monti è stata lanciata: sì alla tobin tax, ma solo se sarà approvato uno scudo anti-spread. Sì ad una maggiore cooperazione sulla tassazione delle transazioni finanziarie, dunque, a patto che vi sia una maggiore cooperazione anche su una “politica finanziaria di gestione del mercato dei titoli sovrani”. Questa è la sfida di Monti in una vigilia il cui il grado di tensione non si respira neppure a Varsavia, dove Italia e Germania si affronteranno calcisticamente per guadagnarsi la finale di Kiev il 1 luglio contro la Spagna.

E la stampa italiana di oggi contribuisce a tenere alta la tensione: “Buttiamoli fuori dall’Euro“, recita oggi la prima pagina di qualche giornale.

La partita che si gioca oggi e domani a Bruxelles risulta fondamentale per il futuro dell’euro. Contrariamente ai soliti luoghi comuni, in campo economico (e speriamo anche in quello sportivo…) l’Italia sembra giocare all’attacco mentre la Germania sembra fare catenaccio, soprattutto per quanto riguarda gli eurobond: “No fino a quando sarò in vita”, ha detto la cancelliera Angela Merkel ribadendolo anche davanti al Bundestag: “Considero gli eurobond sbagliati e controproducenti sul piano economico. Contesto l’idea della mutualizzazione del debito”.

Cosa uscirà fuori, quindi, da questo vertice?

Certamente si parlerà di crescita e di misure da adottare in tempi brevi, come è nel desiderio della troika, e sintetizzabile in un termine molto inflazionato in questa vigilia pre-vertice: “La sfida”, afferma il presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy, “è di segnalare in modo chiaro e concreto che stiamo facendo tutto quello che viene richiesto in risposta alla crisi”. A patto di non trovare soluzioni facili, come teme la Merkel, la quale tuttavia sentirà sulla sua pelle un isolamento sempre più pressante.

Auguriamoci dunque che non sia un altro vertice inconcludente, utile solo a rimandare le scelte più complicate ma sempre più necessarie.

Se a Varsavia questa sera uscirà dal campo un solo vincitore, a Bruxelles possiamo vincere tutti insieme, come Europa, gettando finalmente le basi per un futuro migliore.

Pericolo Euro: come salvaguardare i nostri soldi

Oggi ci tengo ad occuparmi o meglio preoccuparmi (cioè occuparmene prima, prima che le cose possano accadere) della situazione economico-finanziaria dell’area Euro in generale e della Grecia in particolare, valutando alcuni riflessi potenziali sul nostro Paese e quindi sui nostri investimenti e sui nostri soldi.

Ci stiamo velocemente avvicinando al momento in cui in Grecia dovranno scegliere cosa fare, le elezioni si terranno il 17 Giugno prossimo e sembra che senza ulteriori interventi europei la Grecia non avrà i soldi necessari per svolgere le sue funzioni pubbliche a partire dal mese di luglio.

Cosa possiamo fare per salvaguardare i nostri soldi?

Lo scenario negativo ipotizzato riguarda un’uscita della Grecia dall’Euro con un ritorno alla moneta nazionale, la dracma, il che implicherebbe per i greci un forte impoverimento, la svalutazione della moneta, una superinflazione, difficoltà di finanziamento e una forte difficoltà a ripagare i debiti, una corsa alle banche per il ritiro della liquidità e la chiusura o fallimento del sistema bancario greco (come e’ avvenuto ad esempio in Islanda) e, last but not least, tensioni sociali. Questo purtroppo potrebbe acuire la speculazione sugli altri Paesi (soprattutto i cosiddetti “periferici”) dell’area creando un effetto domino di difficile valutazione nel suo complesso. Probabilmente per l’Italia si aprirebbe uno scenario di grande difficoltà , anche solo per la comunanza di zona geografica ed economica (vi ricordate dei PIIGS?), che porterebbe ad un’ulteriore recrudescenza della crisi in atto.

Secondo l’agenzia statunitense Fitch l’estromissione della Grecia dall’area Euro sarebbe molto grave, non solo dal punto di vista politico ma anche dal punto di vista economico, in particolar modo per i gruppi assicurativi italiani (gestioni separate) e per i gruppi bancari. Le assicurazioni della Penisola potrebbero pertanto essere esposte più di altre all’eventuale abbandono (o cacciata?) di Atene dalla zona Euro, come principale conseguenza del contagio che si avrebbe sul debito sovrano italiano e quindi sul debito bancario. I problemi di liquidità e solvibilità (cioè l’impossibilità dei risparmiatori di rientrare in possesso del proprio patrimonio temporaneamente o in modo definitivo) secondo Fitch potrebbero derivare in futuro non tanto dalla solidità patrimoniale del gruppo assicurativo, ma dal contesto macroeconomico e dai suoi impatti sul debito governativo e bancario del Belpaese e dell’area periferica europea. E lo scenario sarebbe di poco diverso se l’uscita della Grecia venisse invece accompagnato da un’efficace risposta politica e avvenisse in maniera guidata e ordinata, come credo sia più possibile accada.

Dal punto di vista degli investimenti quindi, in uno scenario in cui i mercati potrebbero ulteriormente scivolare, l’area Euro accusare un’ancor più forte recessione, esserci un rischio valutario (disgregazione dell’Euro) e un rischio inflazionistico importante per la possibile svalutazione repentina della moneta unica, l’impostazione strategica dovrebbe prevedere un’ ampia diversificazione valutaria e di emittenti. In questo modo avremmo più di un paracadute rappresentato dalla selezione delle controparti che ci devono restituire il nostro capitale a scadenza e dalle valute (direi tutte senza particolari preferenze anche se il dollaro e’ sempre stato percepito nel mondo come bene rifugio) al fine di proteggere il valore dei nostri soldi faticosamente accumulati.

Ovviamente essendo questa un’ ipotesi e non una certezza, un’ evoluzione positiva della “questione Grecia”, cioè un risultato elettorale favorevole alla permanenza nell’Euro pur con gli inevitabili sacrifici per il popolo greco, e ancor più una accelerazione reale dell’unità politica, economica e fiscale dell’Europa con perdita di parte della sovranità dei singoli stati a favore di un entità comunitaria di governo, renderebbe appetibili i titoli di Stato di Paesi come l’Italia (tra i pochi a remunerare l’inflazione) o azioni europee accuratamente selezionate che non escluderei completamente dal panorama degli investimenti, se non altro per approfittarne nel caso lo scenario fosse di questo tipo.

Investire prendendo in considerazione tutti gli scenari possibili, dal più positivo al più negativo, cioè diversificando più possibile in controparti, Paesi, valute, stili di gestione, equivale ad ASSICURARSI UN FUTURO SERENO, SEMPRE.

Del resto se e’ vero che il mercato vince sempre, è anche vero che in un mondo profondamente cambiato nelle certezze e nella mappa dei rischi, FARE CIO’ CHE SI E’ SEMPRE FATTO (e cioè obbligazioni bancarie, titoli di Stato, gestioni separate, conti deposito, libretti postali, pronti contro termine ecc.) NON E’ OGGETTIVAMENTE LA STRADA GIUSTA per ottenere la sicurezza sulla quale si contava in passato.

NON SCEGLIERE, tenendo i propri soldi sul conto corrente o in cassaforte o sotto il materasso, NON PROTEGGE dal rischio di controparte bancaria nel primo caso o dal rischio svalutazione in tutti i casi.

Le soluzioni ci sono, basta volerle esplorare!

Dice il saggio: “Se di un problema c’è la soluzione, perché ti preoccupi? E se invece non c’è soluzione ugualmente perché ti preoccupi?”

Io mi PREOCCUPO (cioè mi occupo prima) di trovare le soluzioni giuste con i miei clienti per tutte le loro esigenze patrimoniali, innanzi tutto con informazioni semplici e trasparenti anche in situazioni complesse, in modo da proteggerli SEMPRE, a prescindere dallo scenario che si presenterà nel prossimo futuro.

Vorrei dimostrartelo, concretamente. Contattami per salvaguardare i tuoi investimenti!