Ecco 13 buone ragioni…

sugar

Sarà capitato anche a te in questi ultimi giorni di canticchiare in macchina il refrain dell’ultimo singolo di Zucchero Sugar Fornaciari…

Prendo spunto da quel motivetto, destinato a diventare uno dei nuovi tormentoni estivi, per analizzare i principali motivi per i quali conviene affidarsi ad un consulente finanziario nella gestione delle proprie scelte patrimoniali. Non solo i “paperoni” dovrebbero farlo, chiunque può trarne vantaggi importanti.

Ecco 13 buone ragioni per preferire un consulente al fai da te (…e un panino al salame!)

1) TI AIUTA A PROTEGGERE LA TUA FAMIGLIA E TE STESSO. Proteggere il capitale umano è il primo step di una buona pianificazione finanziaria. Il consulente è in grado di valutare la tua situazione famigliare nel suo complesso e guidarti attraverso le migliori soluzioni per proteggere la tua famiglia e te stesso.

2) TI AIUTA A PIANIFICARE LE SPESE. Per assicurarti un futuro più stabile, il consulente ti può aiutare a capire come programmare le spese e quanto risparmiare per costruire il tuo patrimonio.

3) TI AIUTA A PIANIFICARE IL FUTURO. Spesso gli investitori si concentrano soltanto su orizzonti di breve e medio periodo. Il consulente ti può aiutare a recuperare il concetto del tempo, “a tirare fuori il presente dall’oggi” e guidarti alla costruzione del tuo futuro. Per mantenere inalterato il proprio tenore di vita nel tempo è infatti necessario pianificare con anticipo anche il proprio pensionamento, ad esempio attraverso forme di previdenza integrativa.

4) TI AIUTA A REALIZZARE I TUOI OBIETTIVI DI VITA E DI INVESTIMENTO. Con l’avanzare dell’età, cambiano anche le tue esigenze. Ecco quindi che l’esperienza e la competenza del consulente possono essere utili per capire che tipo di obiettivi vuoi raggiungere e in che modo. Ad esempio l’avvio di una nuova attività, l’acquisto di un’abitazione, l’università per i figli ecc…

5) TI FORNISCE UNA VALUTAZIONE OGGETTIVA. Non esiste il prodotto e il portafoglio buono per tutti e per tutte le stagioni, non tutti gli strumenti finanziari si adattano a te come investitore o rappresentano in quel momento la giusta soluzione. Il consulente è preparato tecnicamente, conosce le caratteristiche di ciò che gli intermediari offrono e sa come questi reagiscono in un determinato contesto di mercato, indirizzandoti sulla migliore opzione.

6) TI AIUTA A DEFINIRE LA TUA VERA TOLLERANZA AL RISCHIO. Il profilo di rischio, per quanto importante, è un parametro asettico. Siamo esseri umani e quando i mercati vanno bene siamo tendenzialmente tutti più aggressivi, quando vanno male siamo più pavidi. Il consulente, che conosce i principi della finanza comportamentale, ti aiuta a capire la tua reale tolleranza alle oscillazioni di valore.

7) ELIMINA I RISCHI PIU’ PERICOLOSI. Il consulente è un libero professionista e vive, professionalmente parlando, per i suoi clienti; per questo non ha alcun interesse a proporre soluzioni che mettano a rischio la sopravvivenza del loro patrimonio complessivo. Non a caso i consulenti finanziari liberi professionisti non sono stati coinvolti nei peggiori scandali finanziari degli ultimi anni.

8) TI FA GUADAGNARE E RISPARMIARE DENARO. Se tu guadagni, lui guadagna di più, quindi avrà tutto l’interesse a fare crescere il tuo patrimonio. Non fa miracoli, ma ricerca le migliori soluzioni per farti raggiungere gli obiettivi prefissati, coerentemente con il contesto di mercato. Non sempre un investitore fai da te è a conoscenza delle implicazioni fiscali legate al mondo finanziario e ai cambiamenti continui che esse subiscono. Il consulente è aggiornato sul contesto normativo e ha in mente la tua posizione complessiva, cercando la soluzione più adatta per ottimizzarla, anche in termini di risparmio di tasse.

9) TI ASSISTE NEL TEMPO. Dopo che un investimento viene effettuato è necessario che ci sia qualcuno che ne monitori le performances e sappia valutarne l’efficacia nel tempo. Il consulente è al tuo fianco. Assiste un numero limitato di clienti e può dedicarti l’attenzione che meriti, lungo tutto il ciclo di vita.

10) “FILTRA” LE INFORMAZIONI, TI MANTIENE AGGIORNATO E TI TRANQUILLIZZA. Viviamo in un mondo in cui c’è un sovraccarico informativo in tutti i settori e quello economico-finanziario è tra i più inflazionati. Il consulente seleziona le notizie e gli avvenimenti più rilevanti e ti descrive quali implicazioni possono avere per la tua famiglia, per te e per il sistema in generale. Spesso le campagne mediatiche, così come la volatilità dei mercati, hanno delle implicazioni sul nostro atteggiamento nei confronti degli investimenti. Se dico Brexit ti viene in mente qualcosa? Un professionista preparato, che ha il quadro della situazione, non si lascia influenzare negativamente dall’eccesso di informazioni e dall’emotività, aiutandoti a compiere scelte razionali e coerenti.

11) SE SBAGLIA, PAGA. Il consulente finanziario è una delle poche figure professionali che se non si attiene alle regole perde il proprio lavoro in quanto viene radiato dall’albo professionale.

12) TI FA STARE MEGLIO. Una ricerca specifica (Aviva, 2010) evidenzia che la pianificazione finanziaria, ed il conseguente controllo sulle proprie risorse, genera alle persone maggiore autostima e felicità.

13) TI ALLUNGA LA VITA. Il fatto che le persone siano orientate verso il futuro, identificando obiettivi e progetti di vita, può determinare una vita non solo più stimolante ma anche significativamente più lunga. Una ricerca del 2011 di Prem e altri sottolinea che una prospettiva psicologica futura del tempo si traduce in un guadagno di circa 6,5 anni di vita rispetto agli stessi soggetti con una limitata prospettiva.

Ah, se credi che il consulente finanziario sia necessariamente una persona formale e impostata, quindi un po’ noiosa…ti sbagli.

Se vuoi, puoi incontrarlo per parlare di investimenti e del tuo futuro anche davanti a una birra…e un panino al salame! 😉

Annunci

Investire sul proprio futuro

invest futureRimandare i problemi non risolve nulla, anzi. C’è ancora il tempo per iniziare a pensare al proprio futuro, quando la situazione sarà migliore. Basta essere previdenti e cominciare a pensarci per tempo.

Ecco allora dei consigli tratti dal libro Io voglio vincere, scaricabile come ebook.

La situazione è ormai nota: per troppo tempo si è continuato a rimandare alle generazioni più giovani il pagamento dei debiti accumulati nel trascorrere dei decenni. Le tre regole da seguire sono semplici:

  • iniziare il prima possibile ad accantonare parte della ricchezza attuale per garantirci un’entrata aggiuntiva quando andremo in pensione;
  • analizzare le alternative che offre il mercato;
  • farsi seguire da un professionista capace.

A leggere queste regole, sembra davvero facile. Ma le statistiche evidenziano che quasi nessuno segue queste indicazioni. Le motivazioni possono essere tante: non voler pensare al futuro, mancanza di effettiva disponibilità, abitudine…

Bisogna però investire sul proprio futuro. Prima iniziamo ad accantonare una parte (anche piccola) delle nostre entrate per provvedere ai tempi in cui si smetterà di lavorare, meglio è. I giovani d’oggi hanno scarsa cultura finanziaria: l’età è invece un grande vantaggio perché, mettendo da parte in prima persona parte del capitale per molti anni si possono ottenere risultati sorprendenti grazie alla regola dell’interesse composto.

Una soluzione di investimento semplice e mai abbastanza diffusa è quella del PAC (Piano di Accumulo) che rappresenta un’utilissima opportunità per iniziare a investire in modo intelligente sui mercati finanziari, iniziando con importi limitati e costanti nel tempo. Il PAC risulta un regalo molto utile per un figlio o un nipote. Investendo ad esempio 100 euro al mese per vent’anni, con un rendimento medio annuo del 5%, si arrivano a incassare più di 40.000 euro alla scadenza del periodo.

Per avere un aiuto è necessario avere l’appoggio di un consulente. Che cosa dobbiamo aspettarci da un consulente in questo preciso momento? Deve farsi vivo tempestivamente, per dare segnali di contatto; deve dare spiegazioni sul contesto; deve inquadrare chiaramente il tuo portafoglio e deve aiutare a non prendere decisioni affrettate senza un progetto dietro.

Iniziare sin da oggi a investire sul proprio futuro è un primo passo per assicurarsi un futuro più leggero e per assicurare un “premio” alle generazioni future.

A questo punto, se condividi quanto hai letto, ti manca solo un piccolo passo per iniziare a investire sul tuo futuro: chiamarmi o scrivermi una mail! A presto!

 

Fonte: www.iononcicascopiu.it