Il Pil americano diventa smart con Apple

Con un telefono cellulare si può fare la storia. Lo dimostra l’impero Apple che, anche dopo la scomparsa di Steve Jobs, continua la scalata verso il successo finanziario. Il 12 settembre Apple ha presentato il nuovo Iphone, il numero 5, quello che potrebbe decretare un’impennata del Pil americano in pochi mesi. Come? Con un boom di vendite impressionante diffuso in tutto il mondo.

Il nuovo prodotto smart è stato lanciato sul mercato il 21 settembre (in Italia il 28) e secondo le stime di JP Morgan entro la fine dell’anno, in soli tre mesi, porterà alla società un guadagno di circa 3 miliardi di dollari con 8 milioni di cellulari venduti.

Ne deriverà, di conseguenza, un aumento del Pil statunintense compreso tra lo 0,25% e lo 0,5% (con il precedente IPhone4, per esempio, il Pil era aumentato dello 0,2%) un dato molto positivo per l’economia del Paese.

Le vendite cresceranno anche in funzione del nuovo sistema di ricarica del telefono, differente rispetto ai precedenti. In questo modo anche il commercio di prese conformi alla nuova linea aumenterà, perché chi credeva di poter utilizzare i vecchi spinotti dovrà necessariamente acquistare l’adattatore disponibile presso gli Apple Store. Ma sembra che nemmeno questa novità scoraggerà la popolazione, che non rinuncia tanto facilmente ai dispositivi smart di ultima generazione.

Un’analisi di mercato interessante, quella legata al marchio tecnologico americano, che non sembra rispecchiare il periodo economicamente delicato che stiamo vivendo. Secondo un’indagine effettuata in America, però, sembra che la tendenza al risparmio non includa il settore della telefonia.

E anche in Borsa il successo è palpabile, con un’impennata dei titoli il cui valore è arrivato  a ben 700 dollari per azione e una liquidità di 117 miliardi di dollari. Una cifra astronomica, certo, proprio come il numero di vendite dei telefonini: 35 milioni ogni trimestre. Con i soldi posseduti dall’impero Apple, la cui capitalizzazione ammonta a circa 650 miliardi di dollari, si potrebbe coprire una volta e mezzo il listino totale di Piazza Affari.

 

Fonte: www.iononcicascopiu.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...