Mercati: estate tranquilla…e l’autunno?

L’estate sta finendo e un anno se ne va…il mese di agosto è passato, rivelandosi più tranquillo di come si immaginava, almeno sui mercati finanziari. Di sicuro più tranquillo dell’agosto 2011, quando scoppiò rapidamente la tensione sui titoli di Stato europei ed italiani in particolare.

Tra gli analisti c’è chi azzarda l’ipotesi che anche il percorso da qui a fine anno potrebbe essere sì vivace, ma meno agitato di come a volte continuaiamo ad immaginare. Lo scrive, tra gli altri, anche Alessandro Fugnoli, strategist di Kairos Partners, il quale però avverte subito gli investitori che sulla strada da settembre a gennaio 2012 vi sono posizionate sette “mine” di vario tipo, in grado di scatenare reazioni di delusione sui mercati. Eccole in sintesi:

1. Un ritardo nel Qe3 in America (il terzo giro di “quantitative easing” = alleggerimento quantitativo, ossia una delle modalità con cui avviene la creazione di moneta da parte della banca centrale). Se la Fed non lo annuncerà il 6 settembre ci sarà quindi una mezza delusione.

2. La decisione della Corte costituzionale tedesca il 12 settembre: il mercato dà praticamente per scontata una decisione favorevole. Se così non sarà, la delusione sarà forte, mentre se la Corte ribadisse una forte opposizione all’assunzione di impegni illimitati da parte dell’Esm, la reazione dei mercati sarebbe modesta.

3. La Grecia. La Germania potrebbe sacrificare Atene sull’altare del rigore per coprire, agli occhi degli elettori tedeschi, il salvataggio di Spagna e Italia, anche se il mercato non dà grandi probabilità a questo esito infausto e noi nemmeno.

4. Il piano per salvare Italia e Spagna. Per ora sta funzionando a “energia verbale” ma Draghi cercherà in tutti i modi di mettere sul tavolo i soldi per l’intervento: ci saranno una miriade di dettagli (e quindi di trappole minate) da definire.

5. La crescita. Per adesso si vive della rendita derivante dalle basse aspettative dei mesi scorsi. Tuttavia, le aspettative aumentano e con loro cresce il potenziale per una delusione.

6. Attacco all’Iran. Un eventuale attacco sarebbe accompagnato da un imponente rilascio di riserve strategiche di petrolio in tutto il mondo, ma il potenziale per la volatilità rimane elevato.

7. Fiscal cliff, ovvero il “precipizio fiscale” negli Stati Uniti provocato dalla scadenza degli sgravi promossi durante l’era Bush. Può succedere di tutto, da un accordo in 24 ore a un braccio di ferro prolungato e molto teatrale. In gioco, “c’è niente meno che una recessione americana (e quindi globale) nel 2013, questa è una mina molto grossa”.

Se questo è lo scenario, sarà dunque ancor più fondamentale tenere monitorati i propri investimenti con il supporto di un Professionista e compiere le scelte corrette e gli aggiustamenti opportuni per affrontare serenamente ognuna di queste “mine” che potrebbero scoppiare di qui alla fine dell’anno.

Quale miglior momento di questo per farsi aiutare da un punto di vista professionale, competente e oggettivo nella valutazione del proprio portafoglio e rendere più efficiente la gestione dei propri risparmi?

Così come già sottolineato, è possibile, e per qualcuno assai probabile, che questi ostacoli possano essere affrontati nel modo giusto e superati di slancio dalle autorità internazionali influenzando positivamente l’andamento dei mercati e aumentando le nostre opportunità di guadagno! E’ importante farsi trovare pronti per non perdere nessun treno…

Nella speranza che quest’ultima ipotesi si realizzi, colgo l’occasione per augurare a tutti voi una buona ripresa di lavoro!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...